We use cookies to improve your online experience. For information on the cookies we use and for details on how we process your personal information, please see our cookie policy . By continuing to use our website you consent to us using cookies.
MIYAGI
  • TOKYO
  • MIYAGI

HAVE REAL × IMAGINATION

Una romantica passeggiata nel giardino giapponese di Koishikawa Korakuen, risalente al periodo di Edo (1603-1868), e poi da Tokyo partenza per Matsushima, nella provincia Miyagi più a nord. Questo intreccio di stupende di isole, considerato tra i tre più bei panorami del Giappone, è stato immortalato anche dal celebre poeta haiku Matsuo Basho.

Official Tokyo Travel Guide
https://www.gotokyo.org/it/

Local government official website
http://www.pref.miyagi.jp/kankou/en/

I viaggiatori

  • Traveled : August, 2016 Erik Conover
    Youtuber
    Risiede a Stati Uniti d'America
  • Traveled : August, 2016 Kelly Wetherille
    Scrittore
    Risiede a Tokyo
    Paese d'origine: Stati Uniti d'America

Aeroporto Internazionale John F. Kennedy

ANA009 Come arrivare dal tuo paese

  • Erik Conover

    <Volo internazionale>
    Non vedevo l'ora di partire e, per cominciare in bellezza, mi hanno molto soddisfatto il volo, i pasti e il servizio a bordo. Il gelato soprattutto era squisito. Naturalmente non mi aspettavo che quattordici ore in classe economica fossero molto comode (è stato il mio primo viaggio di questa durata) ma la fortuna di trovare un posto libero vicino all'uscita e a fianco una donna giapponese così squisitamente gradevole me le hanno fatte trascorrere in un baleno. Ho imparato anche qualche frase utile e annotato alcune anticipazioni su Tokyo,e in vari momenti sono rimasto in estasi alla vista del cielo ad alta quota.

Aeroporto internazionale di Narita

Treno Narita Express (JR EAST PASS)

Area metropolitana di Tokyo

Primo giorno

TOKYO

Koishikawa Korakuen Gardensmore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Koishikawa Korakuen Gardens

Construction of these gardens was started during the early Edo Period in 1629 by Yorifusa, the founder of the Mito Tokugawa family, as the gardens for his spare residence (which later became his main mansion in Edo). They were completed in the lifetime of Mitsukuni, the second Mito Tokugawa feudal lord. The gardens are composed of artificial hills and ponds circled by paths, built around a central pond. Mitsukuni referred to the opinions of Shu Shunsui, a surviving retainer of the Ming Dynasty when constructing the gardens, incorporating scenes from China, including a half-moon shaped bridge and a West Lake bank. The gardens themselves were also named by Shunsui, making them brim with the atmosphere of China.

  • Erik Conover

    <Giardini di Koishikawa Korakuen>
    Un'oasi nella grande metropoli! E chissà che meraviglia in autunno quando le foglie si tingono di rosso. Per fortuna data l'esuberanza del sole estivo ci siamo potuti proteggere con un parasole in prestito, ma il gran caldo non ci ha impedito di ammirare le carpe meravigliose del laghetto circondato da un giardino tradizionale di splendore paragonabile a quelli che si vedono spesso sulle riviste. Per il rientro abbiamo usato la metro, e anche qui devo ammettere che in quanto a pulizia il Giappone batte tutti.

    <Pranzo a Kagurazaka Oishimbo>
    Se volete farvi sorprendere dalla cucina tradizionale giapponese questo è il posto giusto, non solo per la qualità ma anche per la sensazione che dà di trovarsi in un ambiente casalingo.

  • Kelly Wetherille

    <Giardini di Koishikawa Korakuen>
    Anche questa può essere la direzione giusta per chi desidera un po' di distacco dalla metropoli. Anche se non è poi così lontana - anzi, è piuttosto vicina a Tokyo Dome City, famosa area per lo svago nel cuore della capitale - è una grande oasi di natura che serve perfettamente allo scopo quando se ne ha bisogno.

    <Pranzo a Kagurazaka Oishimbo>
    Data la sua posizione in una viuzza interna pavimentata a pietra e allo stile architettonico tradizionale, è uno di quei rifugi che a Tokyo ti fanno immediatamente sentire in un altro mondo. L'atmosfera deliziosa e la cucina giapponese così delicatamente preparata sono segni inconfondibili di trovarsi in un paese dalla grande cultura alimentare.

    <Kagurazaka>
    Kagurazaka è una zona pittoresca di Tokyo, molto frequentata per l'atmosfera storica che vi si respira. I molti ristoranti e le boutique specializzate in prodotti un po' esotici situate in questa quieta zona residenziale la fanno una meta preferita per chi sente il bisogno di trascorrere un pomeriggio lontano dal caos cittadino.

Toei Subway Oedo Line
Stazione di Iidabashi → Stazione di Ueno-okachimachi
Tokyo Metro Ginza Line
Stazione di Ueno-okachimachi → Stazione di Ueno-hirokoji
15 minuti

Asakusa Hanayashikimore

Asakusa Hanayashiki

Ricostruito nel 1947 dopo una prima demolizione, è il parco divertimenti più vecchio del Giappone. Apparso anche in numerosi film, fumetti e opere televisive, oltre a continuare a svolgere la sua funzione propria di luogo di divertimento è altresì divenuto sito d'interesse turistico.
Oggi conta diciotto diversi tipi di attrazione, un'area per bancarelle e alcuni ristoranti.

  • Erik Conover

    <Asakusa Hanayashiki: esperienza da ninja>
    Devo ammettere che all'inizio ero un po' scettico, anche perché la ritenevo un'esperienza più diretta ai bambini che agli adulti, ma alla fine ne ho scoperto anche il lato più divertente e ho persino imparato alcune nozioni storiche. In ogni caso si è rivelata un'esperienza pratica, non nozionistica come temevo, soprattutto quando è giunto il momento delle shuriken, i famosi dardi a forma stellata. Certamente sarà uno dei miei ricordi più ameni del Giappone.

    <Asakusa>
    Ecco, qui mi sarebbe piaciuto avere più tempo a disposizione. Il tempio è certamente bello, ma con tutti quei turisti è difficile fare belle foto. Più interessante è invece osservare come la gente si comporta, ad esempio quando lancia la monetina nella grande cassa delle offerte. Nella mia foto ho voluto mostrare il contrasto tra la figura dei vecchi templi e il moderno profilo urbano. Al termine della visita ad Asakusa ci siamo accodati anche noi per il famoso gelato con foglie d'oro: ottimo il sapore nel complesso, ma praticamente senza sapore le foglie. Non lo sapevo.

  • Kelly Wetherille

    <Asakusa Hanayashiki: esperienza da ninja>
    I ninja sono stati figure molto famose e nel contempo misteriose della storia giapponese, e ancor oggi sono un'attrazione, sebbene secondo me un po' eccentrica, per molti che giungono sin qui per provare l'ebbrezza di diventarlo per un giorno. Oltre a parlare inglese il nostro insegnante era molto affabile e sorprendentemente energico, il ché ha permesso di aggiungere all'addestramento anche qualche minuto di puro divertimento. Infatti, tra imparare a maneggiare la katana in un ipotetico combattimento, cimentarsi nei vari modi di nascondersi alla vista degli altri e persino a lanciare i micidiali darsi stellati, nel nostro gruppo abbiamo riso molto. Per questo penso che sia un'esperienza adatta soprattutto per le famiglie con bambini.

    <Asakusa>
    Passeggiare lungo la Nakamise, la via dello shopping, e acquistare qualche senbei, il tradizionale cracker giapponese, oppure un dolce tradizionale, è uno dei piaceri di Asakusa. È sempre qui che porto innanzi tutto amici e familiari quando vengono a farmi visita da casa. Non ricordo quante volte ci sono stata, ma la sua atmosfera nostalgica e così speciale di Tokyo non la fanno invecchiare mai, anzi!

Tokyo Metro Ginza Line
Stazione di Asakusa → Stazione di Kanda
JR della Chuo Line (JR EAST PASS)
Stazione di Kanda → Stazione di Shinjuku
30 minuti

Shinjukumore

Shinjuku

Shinjuku, snodo culturale di Tokyo, è una zona in continua evoluzione rappresentata dal Palazzo del governo metropolitano, cuore amministrativo della città. Partendo dalla stazione JR Shinjuku, la più frequentata del Giappone con tre milioni e cinquecentomila passeggeri al giorno, il quartiere è ricco di luoghi da visitare e ogni area ha un fascino particolare: partendo dall'uscita est, Kabukicho, la via commerciale Goldengai, grandi magazzini e ipermercati specializzati; dall'uscita ovest, Tokyo Tocho (il Palazzo del governo metropolitano) e l'area dei grattacieli e dei grandi hotel, dove si possono ammirare anche numerose opere d'arte all'aperto. Dall'uscita sud, invece, si può fare una piacevole passeggiata sulla terrazza tra gli edifici o nell'oasi verde del parco Shinjukugyoen.

  • Erik Conover

    <Cena al Rin>
    Una cena davvero fantastica e tutti voti alti e ben meritati. Molto interessante con i suoi baretti su entrambi i lati della strada è anche la Golden-gai, la piccola zona di Shinjuku famosa per le sue architetture e la vita notturna.

  • Kelly Wetherille

    <Cena al Rin>
    È un ristorante molto frequentato dalla gente del luogo per la sua atmosfera accogliente. Il menù è molto vario e offre anche sashimi e tempura, e con del buon sakè tutto va giù che è un piacere. Non è grande, ma ti dà anche la possibilità di fare conoscenze interessanti.

A piedi
10 minuti

KEIO PLAZA HOTEL TOKYO

  • Erik Conover

    <Keio Plaza Hotel Tokyo>
    È uno dei cosiddetti business hotel, molto bello e particolarmente comodo per la sua posizione centrale a Tokyo. Sempre bene informato e puntuale il personale, ottima la colazione a buffet e altrettanto convenienti i negozi al livello inferiore, per chi viene a Tokyo è indubbiamente un'ottima scelta.

  • Kelly Wetherille

    <Keio Plaza Hotel Tokyo>
    Situato proprio a fianco della stazione ferroviaria di Shinjuku, è molto comodo per accedere velocemente a qualsiasi punto di Tokyo. Dire che è molto pulito è superfluo, ma la connessione Wi-Fi gratuita, la palestra e ben nove ristoranti ne fanno un punto di riferimento importante anche per il turista.

Secondo giorno

TOHOKU(MIYAGI)

8:56 Stazione di Tokyomore

8:56 Stazione di Tokyo

Nell'ottobre 2012 sono terminati i lavori di restauro e preservazione dello storico edificio lato Marunouchi della stazione più importante di Tokyo, che ne hanno ripristinato la tanto cara facciata a mattoni rossi, suo autentico simbolo, e valorizzato svariati particolari architettonici per riportarla all'aspetto di grandiosità di un secolo fa, quando fu costruita. Con l'occasione hanno riaperto i battenti la Tokyo Station Gallery e il Tokyo Station Hotel, quest'ultimo primo e unico a sorgere in un'opera considerata importante patrimonio culturale del Giappone, con gli interni realizzati in un sofisticato stile neo-classico europeo proprio per armonizzarli con gli esterni dell'edificio di Marunouchi.

Treno JR Tohoku Shinkansen Yamabiko 129 (JR EAST PASS)
Tokyo→Shiroishizaō

  • Erik Conover

    <Shinkansen>
    Non ero mai stato su un treno ad alta velocità, ma il viaggio da Tokyo a Miyagi, più a nord, è stato molto rapido e comodo. Direi un modo molto pratico e facile di muoversi in Giappone. Alla stazione mi ha sorpreso vedere così tanta gente fare la coda per acquistare un bento prima di salire. Ah, non sapete cos'è il bento? È un pranzo pre-confezionato e servito in un vassoietto, popolarissimo in Giappone. Il viaggio in Shinkansen sino a Miyagi è molto panoramico e per questo è stato anch'esso una parte turistica essenziale di questo viaggio in Giappone.

  • Kelly Wetherille

    <Shinkansen>
    Mi piace viaggiare in Shinkansen, perché in fondo mi piace sempre farlo con stile! Da Tokyo a Sendai sono solo due ore, tutte panoramiche dal primo all'ultimo chilometro, e all'arrivo avevo ancora davanti a me il bento comprato alla stazione. Ma volete mettere la comodità di questi ampi sedili?

10:46 Stazione di Shiroishizaō

  • Erik Conover

    <Biciclette a noleggio>
    Se venite qui e soprattutto vi piace pedalare, ricordatevi che la bicicletta è forse il modo migliore per vedere la città.

    <Castello di Shiroishi>
    Questo è stato uno dei miei luoghi preferiti, soprattutto ascoltare la storia dei samurai e le vicende susseguitesi nei secoli. Poi la parte più amena, come vestirsi proprio da guerriero e improvvisare un duello con il castello sullo sfondo.

    <Pranzo ad Hikarian>
    Che dire, molto bello il locale e super delizioso il ramen!

  • Kelly Wetherille

    <Biciclette a noleggio>
    Mi è sempre piaciuto girare Tokyo in bicicletta, e sono contenta di averlo fatto anche qui a Sendai. In effetti è forse il modo migliore per vedere tutto, perché in treno, autobus o taxi ti perdi tante cose, soprattutto dettagli importanti.

    <Castello di Shiroishi>
    Demolito durante la cosiddetta Restaurazione Meiji (1868-1912), è stato ricostruito nel 1995 per ricordare come probabilmente appariva all'apice dei suoi giorni. In effetti ne è stato ricostruito soltanto l'edificio principale dei molti che componevano allora il complesso, ma almeno ne sono stati mantenuti il prato circostante e i superbi ciliegi. Dall'ultimo piano si gode di una serie stupenda di viste panoramiche. A chi intende visitarlo raccomando, proprio come ho fatto io, di provare anche a indossare un'armatura completa da samurai; non sono molte le occasioni per farlo e bisogna ammettere che pure questo è un modo per comprendere più intimamente la cultura di queste affascinanti figure storiche. E che foto! Per chi avrà la fortuna di venirci in primavera, facendo picnic sotto un ciliegio in fiore sarà ancora più facile cogliere la quintessenza dello spirito giapponese.

    <Pranzo ad Hikarian>
    È un antico ristorante dal tetto di paglia risalente al periodo di Edo (1603-1868) specializzato in pasta giapponese. La specialità è lo shiroishi umen, una sorta di grossi e corti tagliolini. Ve ne sono di diversi tipi, e io so già che la prossima volta proverò quello al gusto di sesamo.

A piedi
20 minuti
Stazione di Shiroishizaō → Stazione di Shiroishi

(Solo nei giorni feriali)
l'autobus municipale Castle-kun della Fukuoka Line
Stazione di Shiroishi → Yajiro Kogeshi-mura
25 minuti

Villaggio di kokeshi yajiromore

Villaggio di kokeshi yajiro

Qui si trova un laboratorio di bamboline kokeshi che il visitatore può liberamente decorare.
Ve ne sono dieci tipi che differiscono per espressione facciale, colori e altre caratteristiche ancora. Il tipo yajiro si distingue dagli altri per i colori particolarmente vividi e l'ampia gamma di colori messa a disposizione dal laboratorio permette di creare bamboline davvero originali.

  • Erik Conover

    <Kokeshi al villaggio Yajiro>
    L'abilità manifatturriera di questi artigiani storici di bambole kokeshi, che creano una ad una con la medesima passione, perizia e cura dei dettagli, non può che suscitare un profondo senso di rispetto. Qui in effetti è un piccolo paradiso per gli amanti dei prodotti d'artigianato. A un tratto uno di loro mi ha offerto di provare a masticare un truciolo di legno, esattamente come stava facendo lui! Beh, sapeva un po' di bastoncini da pranzo, anche questi fatti di legno...

  • Kelly Wetherille

    <Kokeshi al villaggio Yajiro>
    Le kokeshi sono deliziose bamboline, il mio souvenir preferito per la famiglia e gli amici a casa. Potete perciò immaginare la mia felicità quando ho visto come le fanno: Finalmente ne anche imparato la storia direttamente da chi le fa. Anche i clienti possono provare a decorarle, ed è proprio quello che ha indotto in me un forte senso di rispetto verso questi artigiani che lo fanno di professione. Infatti non è affatto facile come potrebbe invece sembrare a prima vista.

(Solo nei giorni feriali)
l'autobus municipale Castle-kun della Fukuoka Line
Yajiro Kogeshi-mura → Kamasaki Onsen
5 minuti
Oppure 20 minuti a piedi dalla fermata Yajiro Kokeshi-mura

Ryokan Yunushi Ichijomore

Ryokan Yunushi Ichijo

Questa tipica locanda giapponese ha la veneranda età di ben circa seicento anni. La costruzione, che riporta immediatamente il visitatore al Giappone semplice di quel tempo, è stata designata patrimonio culturale tangibile nazionale. Offre otto tipi diversi di sistemazione, ognuna realizzata per requisiti deiversi. Il senso dell'ospitalità e l'esperienza davvero speciale fanno del luogo un riferimento unico per chi è alla ricerca dell'antica atmosfera rurale.
Le sue acque termali, che si dice abbiano accolto anche il samurai Date Masamune in persona, hanno un effetto levigante sulla pelle e sono perciò particolarmente indicate per gli ospiti femminili.

  • Erik Conover

    <Ryokan Yunushi Ichijo>
    Ecco un'altra tappa indimenticabile di questo viaggio. Le locande tradizionali giapponesi, l'onsen e la loro sempre superba cucina dovrebbero di per sé motivare chi non c'è mai stato a fare un viaggio in Giappone. Anche la colazione qui è deliziosa e soprattutto elegantemente servita, certamente un buon inizio di giornata. Tutto il personale è gentile e servizievole, quasi come se il benessere degli ospiti venisse prima della loro vita. E poi tutte le camere, molto semplici ma oltremodo pulite, sono rivolte a est per offrire il grandioso spettacolo dell'alba. In queste locande non c'è la doccia in camera come negli hotel di stile occidentale, ma che importa? Quando si ha a disposizione un bagno termale come questo, tra l'altro all'aria aperta, la soddisfazione è alle stelle. Qui l'aria è più frizzante che a Tokyo, dove in estate il caldo si fa sentire già la mattina presto e poi non credevo che ci si potesse rilassare così, qualcosa più di un semplice posto per dormire direi. Ci devo sicuramente ritornare! Dimenticavo un altro dettaglio che mi piace raccontare: la disponibilità in camera di un pigiama o di uno yukata, l'indumento da camera onnipresente in Giappone. Ma attenti alla testa, perché in queste locande tradizionali il soffitto è piuttosto basso!

  • Kelly Wetherille

    <Ryokan Yunushi Ichijo>
    Se riuscirete a venire a Shiroishi, la miglior cosa che potrete fare è trascorrere almeno una notte in questo spettacolare ryokan, la tipica locanda giapponese. Sin dal primo momento quando il personale ci ha accolti all'ingresso abbiamo (ancora una volta) capito il significato dell'omotenashi, il senso giapponese dell'ospitalità. L'edificio è antico ma molto ben preservato, il cibo... beh, non sto a dirvi quanto è buono e soprattutto ben presentato, e le camere spaziose, eleganti e comode oltre misura. Naturalmente, come tutti i ryokan che si rispettino, vi è anche un onsen all'aperto e vi assicuro che immergere il corpo in quelle calde e invitanti acque che sgorgano calde e fumanti dalle profondità della terra respirando aria fresca e pura di montagna è ciò che ci vuole dopo una lunga giornata da turisti. Chissà, forse riuscirò a ritornarci. Ma allora sarà sicuramente per un periodo più lungo.

Terzo giorno

Ryokan Yunushi Ichijo

Autobus navetta del ryokan
Circa 20 minuti

Autobus (due corse al giorno)
Stazione di Shiroishizaō → Zao Katta Sancho
Circa 1 ora e 35-40 minuti
A piedi 5 minuti
* Questo autobus è in funzione solo di sabato, domenica e negli altri giorni festivi dalla fine di aprile agli inizi di novembre.

Lago vulcanico Okama del monte Zaomore

Lago vulcanico Okama del monte Zao

Questo lago vulcanico ha una circonferenza di mille metri ed è profondo ventisette. È altresì noto come “Goshikinuma”, o lago dei cinque colori per via dell'aspetto che le acque assumono a seconda dell'intensità della luce. Meta molto ambita oltre che luogo più rappresentativo del monte Zao, in estate è ricco di piante alpine e da settembre a novembre si tinge dei colori autunnali. All'apertura delle strade che conducono sulla sommità del monte verso la fine di aprile, sui lati si formano muraglie di neve alte anche più di dieci metri.

  • Erik Conover

    <Escursione al lago Okama del monte Zao>
    Ne ho visti parecchi di crateri nella vita, ma questo è completamente diverso da tutti, una delle scene panoramiche più sorprendenti che la natura possa creare. Sembra tratto da The Lord of the Rings. Ai suoi piedi senti una profonda soggezione, forse abbastanza comune in Giappone data la sua natura d'isola vulcanica. Prima di avviarci per l'escursione la guida ci ha condotto a vedere alcune cascate vicine, così belle e invitanti che avrei fatto volentieri un tuffo ristoratore. Per strada abbiamo anche visto diverse scimmie!

  • Kelly Wetherille

    <Escursione al lago Okama del monte Zao>
    Ne ho visti parecchi di crateri nella vita, ma questo è completamente diverso da tutti, una delle scene panoramiche più sorprendenti che la natura possa creare. Sembra tratto da The Lord of the Rings. Ai suoi piedi senti una profonda soggezione, forse abbastanza comune in Giappone data la sua natura d'isola vulcanica. Prima di avviarci per l'escursione la guida ci ha condotto a vedere alcune cascate vicine, così belle e invitanti che avrei fatto volentieri un tuffo ristoratore. Per strada abbiamo anche visto diverse scimmie!

Autobus (due corse al giorno)
Zao Katta Sancho → Stazione di Shiroishizaō
Circa 1 ora e 35-40 minuti
A piedi 5 minuti
* Questo autobus è in funzione solo di sabato, domenica e negli altri giorni festivi dalla fine di aprile agli inizi di novembre.

A piedi 20 minuti
Stazione di Shiroishizaō → Stazione di Shiroishi
JR Tohoku Honsen Line
Stazione di Shiroishi→ Stazione di Sendai
JR Senseki Line
Stazione di Sendai → Stazione di Matsushimakaigan
2 orePrezzo (JR EAST PASS)

  • Erik Conover

    <Shinkansen>
    Anche in questa parte del Giappone il treno Shinkansen non ti delude per velocità e comodità, anzi!

  • Kelly Wetherille

    <Shinkansen>
    Sui treni proiettile" giapponesi il tempo passa in un attimo, troppo presto! Come ho già detto, mi piace molto viaggiare con lo Shinkansen perché è molto comodo, pulito e puntuale (del resto come ogni altro treno giapponesi). Forse potrà non sembrare così importante, ma per il turista con poco tempo a disposizione la puntualità dei mezzi di trasporto è preziosa.

Isole di Matsushimamore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Isole di Matsushima

Appartenente al "club delle più belle baie del mondo", con i suoi pittoreschi panorami la baia di Matsushima non ha mai cessato di affascinare artisti, poeti e scrittori di ogni dove. Luoghi come il tempio di Enstuu-in, le cui foglie autunnali illuminate creano un'atmosfera del tutto magica, e il Kanrantei, magnifico sottofondo per assaporare il tè verde giapponese di stagione, sono certamente tra le specifiche mete da non perdere insieme al museo storico intitolato a Date Masamune, uno dei protagonisti della fondazione di Sendai, e la Yakigaki House, uno dei luoghi più famosi per riempirsi di ostriche di Matsushima a sazietà, anche sotto forma di hamburger. Prima d'imbarcarsi per il giro delle isole della baia si suggerisce una puntatina al Saigyomodoshi no Matsu Park per ammirarla da lontano in tutta la sua grandiosità. Il tempio di Entsuu-in è famoso anche per l'antico laboratorio di rosari.

  • Erik Conover

    <Le isole di Matsushima: templi di Zuiganji, Kanrantei e Godaido>
    Ecco un altro luogo giapponese che ricompensa ampiamente per le tante ore di volo internazionale. Se solo avessi avuto un po' più di tempo! Anche la cerimonia del tè cui abbiamo partecipato è stata distensiva e informativa. Dal primo momento abbiamo capito che la nostra guida ama il proprio lavoro e prova una forte passione per questa città. Sì, avrei tanto desiderato fermarmi di più qui. Tutte le persone che abbiamo incontrato erano aperte e coinvolte, pronti a mostrarci un profondo senso dell'ospitalità benché noi non conoscessimo una parola di giapponese e loro una d'inglese.

  • Kelly Wetherille

    <Le isole di Matsushima: templi di Zuiganji, Kanrantei e Godaido>
    Matsushima è una città incantevole e pittoresca, meta perfetta per chi ama vedere i templi giapponesi e gironzolare per i banchi di prodotti alimentari, i negozi e i numerosi ristoranti. Prima viene Kanrantei, proprio di fronte alla stazione dei treni. Trasportata da Kyoto e ora sovrastante la baia di Matsushima - ritenuta una delle tre migliori destinazioni panoramiche del Giappone - in questa costruzione si trova una casa da tè permeata di pace e dall'atmosfera ovviamente minimalistica. Il tè verde (matcha), accompagnato da alcuni dolcetti locali, è un'ottima compagnia mentre ci si abbandona a un breve riposo per acquistare nuove energie prima di continuare il viaggio. Mentre è vero che i templi di Godaido e di Zuiganji qui sono tra le destinazioni turistiche più popolari, trascurare quello di Entsuin sarebbe un errore. Non è lontano dal tempio di Zuiganji ed è circondato da giardini zen rocciosi, laghetti, macchie di muschio, cedri e boschetti di bambù che in uno sforzo comune ispirano grande serenità. Rarità tra i templi giapponesi, si trova anche un giardino di rose stile occidentale che non può non colpire per l'audace ma ben riuscito accostamento. È tuttavia sorprendente che anche durante i fine di settimana non si riempia di gente, tanto che si può aver l'impressione di trovarsi in un luogo spirituale privato.

Stazione di Tokyo o altri luoghi

RACCOMANDAZIONI DI VIAGGIATORI

Raccomando caldamente alle 126 mila persone che mi seguono su YouTube questo viaggio a Miyagi. Senza dubbio le bellezze naturali del Giappone avevano richiamato la mia attenzione da tempo, e finalmente l'opportunità di vederle personalmente si è avverata.

Erik Conover
Youtuber
Risiede a Stati Uniti d'America
  • Hobby

    Viaggi, Cultura, Alfresco

  • Numero di viaggi in Giappone

    Nuove esperienze

RACCOMANDAZIONI DI VIAGGIATORI

Non ero mai stata a Miyagi, ma mi ha sorpreso quanto velocemente e comodamente vi si possa arrivare da Tokyo con il treno Shinkansen. Anche il viaggio in sé è bello, perché si attraversano paesaggi molto dissimili e panorami incantevoli, siano essi di montagne, cascate, coste frastagliate o baie pittoresche punteggiate di isole rocciose. Due o tre giorni possono bastare per vedere l'essenziale, ma c'è talmente tanto da vedere da giustificare un viaggio ben più lungo. Trovandosi alquanto a nord rispetto a Tokyo, l'aria è più fresca e meno umida, il che fa di questa parte del Giappone un obiettivo ovvio per fuggire dal caldo estivo della città.

Kelly Wetherille
Scrittore
Risiede a Tokyo
Paese d'origine: Stati Uniti d'America
  • Hobby

    Viaggi, Viaggiare, vita all'aperto, Paddleboarding in piedi, Yoga, Escursionismo

  • Permanenza a Tokyo

    14 anni

Altri itinerari raccomandati nella stessa area

Condividi questa pagina!

Mezzi di trasporto

Itinerari panoramici raccomandati

Altri itinerari seducenti

COPYRIGHT © TOHOKU × TOKYO ALL RIGHTS RESERVED.

Back to Top