We use cookies to improve your online experience. For information on the cookies we use and for details on how we process your personal information, please see our cookie policy . By continuing to use our website you consent to us using cookies.
IWATE
  • TOKYO
  • IWATE

PROSPERITY STILLNESS & MOTION

Questo itinerario presenta da un lato il famoso incrocio pedonale multi-direzione di Shibuya, uno dei simboli del dinamismo di Tokyo, e dall'altro alcuni luoghi intitolati alla pace nonché i monumenti e siti storici di Hiraizumi, designati patrimonio culturale mondiale e particolarmente significativi dello splendore di un tempo.

Official Tokyo Travel Guide
http://www.gotokyo.org/it/

Local government official website
http://www.japan-iwate.info/

I viaggiatori

  • Traveled : October, 2017 Chaiwat Chantasakuldech
    blogger e consulente di marketing
    Risiede a Tailandia
  • Traveled : October, 2017 Lakkana Charritkul
    blogger di stili di vita
    Risiede a Giappone
    Paese d'origine: Tailandia

Aeroporto Internazionale di Bangkok-Suvarnabhumi

JAL032 Come arrivare dal tuo paese

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Il volo sino a Iwate è stato con questa linea aerea da quattro stelle, un altro esempio della cortesia e del senso dell'ospitalità giapponese. Ottimo anche il pranzo a bordo a base d'insalata, soba, zuppa di miso, sakè e persino gelato Häagen-Dazs. Questa volta però ho preferito partire dall'aeroporto di Haneda anziché da quello di Narita per via della sua maggior vicinanza al centro di Tokyo.

Aeroporto internazionale di Tokyomore

Aeroporto internazionale di Tokyo

Uno dei principali punti di accesso a Tokyo, conta diverse strutture commerciali e dalla piattaforma panoramica all'ultimo piano del terminal passeggeri, accessibile anche a chi non deve volare, si domina l'intera baia di Tokyo.

Area metropolitana di Tokyo

Primo giorno

TOKYO

  • Chaiwat Chantasakuldech

    L'abbonamento ferroviario è davvero molto conveniente, anche perché rende più flessibile la scelta del giorno della partenza. Questo modo di viaggiare è raccomandabile per chi per la prima volta parte da Tokyo alla volta di altri luoghi da visitare, ma riconosco che noi tailandesi non conosciamo bene le varie opzioni di abbonamento per raggiungere le altre regioni del paese. Un aspetto molto conveniente di queste soluzioni di viaggio è che non sono rivolte esclusivamente ai gruppi, ma anche ai viaggiatori singoli e indipendenti. Io, ad esempio, per spostarmi ho usato i treni pubblici, gli autobus e i taxi anziché gli autobus turistici.

  • Lakkana Charritkul

    Un abbonamento JR Pass è uno dei modi più pratici e convenienti per girare il paese, e non solo sui treni ordinari ma anche sullo Shinkansen, il treno ad alta velocità più famoso al mondo. Anche con l'abbonamento JR East Pass, che copre tutta l'area nord-orientale, è possibile viaggiare su tutti i treni della società JR oltre che sul Narita Express, che dall'aeroporto internazionale di Narita porta nel centro di Tokyo, e sul Tokyo Monorail che proviene invece dall'aeroporto di Haneda, lo scalo internazionale della capitale. Al momento dell'acquisto è sufficiente mostrare il passaporto e poi basta mostrare l'abbonamento al personale alla barriera d'ingresso prima di salire su treno, senza perciò perdere tempo alla biglietteria.

Kichijojimore

Kichijoji

Il parco di Inokashira è una delle sue oasi di pace della metropoli e permette di passarvi il tempo libero come si desidera, che sia solo passeggiando oppure fare jogging o un picnic. All'interno si trovano altresì uno zoo e il museo Ghibli di Mitaka, entrambi di grande successo sin dall'apertura. E dopo il tempo libero trascorso tra il verde, basta uscire per trovarsi subito nel quartiere dello shopping o in una delle molte viuzze vicino alla stazione che pullulano di ristorantini. Vi si giunge con estrema facilità sia da Shinjuku che da Shibuya e grazie all'atmosfera rilassata che qui si vive è molto popolare tra le persone di tutte le età.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    In certi film e manga avevo già notato il nome Kichijoji, ma non sapevo esattamente che luogo fosse. So che altri tailandesi come me hanno già sentito nominare sia Kichijoji sia Hanako l'elefante, ma dubito che sappiano che quest'ultimo è la statua di bronzo che si trova davanti alla Kichijoji Station Plaza e che proprio a Kichijoji si trova il famoso Museo Ghibli. Questa volta però sono riuscito a visitare entrambi! Farlo partendo dal centro di Tokyo è molto facile. Lo zoo e il Museo Ghibli sono un po' distanti dalla stazione ma sono molto belli, soprattutto gli esterni. Se si ha un po' di tempo quando si è a Tokyo vale certamente la pena spendere un po' di tempo visitare questo interessante distretto.

    Al KISSHO KICHIJOJI si mangia una carne giapponese decisamente squisita, uno dei sapori più salienti di questo viaggio. Il servizio è nello standard giapponese, cioè ottimo, e pranzare in una saletta privata come è successo a me è una bella esperienza, senza contare l'eleganza dei piatti di vetro su cui la carne viene servita. Non è un posto facile da trovare, ma lo raccomando a chi è in cerca di buona cucina in un'atmosfera di assoluta tranquillità e normalmente frequentato da chi conosce bene la zona, esclusi cioè i turisti.

  • Lakkana Charritkul

    A soli dieci minuti dalla stazione di Kichijoji si trova il parco di Inokashira, che nel 2017 ha celebrato il primo centenario. Ora contiene anche uno zoo. Specialmente in autunno e in primavera è un polo d'attrazione sia per la gente della città che, da un po' di tempo, per i turisti stranieri che nelle vicinanze di Tokyo possono ammirare tra i più bei ciliegi in fiore o i più vividi colori autunnali della zona. Qui c'è anche il famoso Museo Ghibli che presenta le opere dell'ancor più famoso Studio Ghibli, una sorta di mecca per gli amanti dell'animazione giapponese. Soprattutto nei fine settimana il parco si riempie di gente che passeggia, siede sul prato o tra la rigogliosa vegetazione o comunque trascorre ore liete in un'atmosfera molto rilassante, per poi fermarsi nella Sun Road Shopping Street vicino alla stazione prima di rientrare. Kichijoji è molto popolare anche per i suoi negozi, compresi quelli di abbigliamento e accessori di marche famose, ristoranti e ristorantini a non finire e negozi di dolciumi locali.

    Questo ristorante è specializzato in piatti di carne e particolarmente in shabu-shabu, mentre di giorno offre bistecche con contorni altrettanto squisiti. La cucina giapponese è spesso considerata un'opera d'arte, cioè non solo soddisfa il palato ma anche la vista dato il modo raffinato di presentarla.

Linea ferroviaria Keio Inokashira
Stazione di Kichijoji → Stazione di Shibuya
Circa 15 minuti / 200 yen

Shibuyamore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Shibuya

A Shibuya, fulcro delle culture giovanili, si è costantemente immersi in un'atmosfera di fervente entusiasmo, ad esempio nei ristoranti, pub, discoteche e locali per concerti dal vivo più alla moda e nei numerosi grandi magazzini e negozi. Inoltre, Shibuya è senza dubbio la meta di chi desidera acquistare gli articoli del mondo "kawaii" che spesso compaiono anche sulle riviste e di chi ama raffinati caffè o spuntini a prezzi particolarmente convenienti. Da non perdere, la statua del cagnolino Hachiko e il famoso incrocio di Shibuya davanti alla stazione, e a poca distanza il parco Yoyogikoen, un'oasi verde che nei fine settimana ospita varie iniziative.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Questo distretto in continuo fermento è sempre frequentato da gente brulicante fra nuovissimi palazzi. Per questo ho pensato che se mi fosse rimasto un po' di tempo mi sarebbe piaciuto filmare il famoso incrocio pedonale che non ha eguali al mondo in termini di fama. Non solo è una città nella città che non dorme mai: ogni volta che vi ritorno scorgo nuovi edifici, grattacieli e negozi chic che consiglio a tutti gli amanti della moda. Sono stata anche in cima al Shibuya Hikarie! Da lassù la vista sembra cambiare al cambiare del tempo e dell'ora, per cui la prossima volta spero di ritornarci in un momento diverso.

  • Lakkana Charritkul

    Oltrepassata l'uscita Hachiko della stazione di Shibuya ci s'imbatte subito nell'ormai famosa statua commemorativa di Hachiko, il fedele quattro zampe che ha persino ispirato un film. È un punto di riferimento molto popolare per incontrare gli amici e ottimo soggetto per una foto ricordo.
    Sul lato opposto della statua di Hachiko si trova uno sportello d'informazioni turistiche. È una vecchia carrozza ferroviaria che qui chiamano "la rana verde". Curiosa, no? Un'altra curiosità da non perdere quando si è a Shibuya è il famoso incrocio pedonale che a ogni verde di qualsiasi momento del giorno viene attraversato da centinaia e centinaia di persone in ogni direzione.
    Attraversata la strada oltre la stazione di Shibuya ed entrati in una stretta strada a sinistra di Starbucks, ci si trova nella Shibuya Center Street ove si concentrano negozi di famosi marchi internazionali. Ogni giorno la zona è molto affollata e di notte si accendono le luci dei night club e dei pub per accogliere gli amanti delle ore piccole. C'è solo da sbizzarrirsi nella scelta.
    Sempre a Shibuya si trova il più recente dei suoi grattacieli: è lo Shibuya Hikarie, un gigantesco grande magazzino che in effetti è molto di più. Infatti, all'ottavo piani vi sono una galleria d'arte e una piattaforma di osservazione, entrambi ad ingresso libero.

Linea Tokyo Metro Ginza
Stazione di Shibuya → Stazione di Akasaka-mitsuke

Linea Tokyo Metro Marunouchi
Stazione di Akasaka-mitsuke → Stazione di Shinjuku-gyoenmae
Circa 15 minuti / 170 yen

Shinjuku Gyoenmore

Shinjuku Gyoen

Ecco un altro parco nel centro di Tokyo! Completato nel 1906 come giardino imperiale, nel 1949 è stato dichiarato parco pubblico. Sui suoi
58,3 ettari sorgono un giardino giapponese, un giardino simmetrico francese e un altro giardino paesaggistico, tutti molto abilmente concepiti.
Di quest'oasi cittadina ideale per il relax sono famosi anche la fioritura dei ciliegi in primavera e i tipici colori autunnali.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Sono stato mille volte anche a Shinjuku, ma non conoscevo il grande parco vicino alla stazione e ora so che tutta la zona è ben più di una grande area per lo shopping, ed è per questo che ora continuo a ripetere agli amici che lì c'è anche molto verde e che durante il giorno è facile trovare un luogo speciale per trascorrere la giornata sotto il sole. Ma sarebbe un errore considerarlo semplicemente un parco con tutto quello che vi si trova, e inoltre l'ingresso è gratuito.

    Ho cenato spesso al Shinjuku Golden District e lungo la Omoide Side Street. È un posto alquanto curioso a Tokyo e se possibile consiglio di andarci con un giapponese. Nel menù sono elencati molti piatti popolari di cui la maggior parte degli stranieri non ha mai sentito parlare, ma che sono invece molto popolari tra i giapponesi. Anche questa è un'esperienza culturale di un certo valore e il luogo è totalmente diverso da qualsiasi altro, e comunque dalla aree generalmente più battute dai turisti.

    Questo ristorante aperto 24 ore offre un'atmosfera molto ospitale anche per gli stranieri, i prezzi sono ragionevoli e la qualità dei piatti di assoluta soddisfazione. Naturalmente oltre alla vasta scelta di cibi offre anche sushi e sashimi e il pesce è freschissimo. Una cosa che si fa poco spesso — ma che è molto utile — è aggiungere foto al menù in modo che anche gli stranieri che non sanno leggere il giapponese e che non conoscono i vari tipi di pesce locale e non solo possano ordinare il tipo di sushi preferito.

  • Lakkana Charritkul

    Shinjuku è famosa come una delle migliori aree per lo shopping della città, ma molti turisti nemmeno sanno che vi è anche un grande parco. È il Shinjuku Gyoen National Garden, creato nel periodo Meiji (1867 – 2012) dopo la trasformazione in proprietà pubblica dalla residenza di un signore feudale che era. Quando il tempo è bello è frequentato da molte famiglie per trascorrere il tempo in diversi modi.

    Sul lato destro della stazione di Shinjuku si trova un quartiere di vecchi negozi e izakaya (le tradizionali trattorie giapponesi normalmente a prezzi ragionevoli) chiamata Omoide Yokocho. L'atmosfera che vi si respira, un po' nostalgica e tipica del periodo del dopoguerra, è ideale per una cucina semplice che spesso vede l'abbinamento di spiedini di carne di manzo, maiale (anche trippa) o pollo e sakè.

    Il sushi di Sushimamire è sempre fresco e gustoso e si può scegliere se ordinare un piattino alla volta o uno dei menù fissi. Per chi come me ama un po' di privacy quando mangia, quando c'è posto è possibile sedersi al banco anziché al tavolo.

Circa 15 minuti

Central Hotel Tokyo

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Questo hotel vicino alla stazione si trova in un'area molto popolare anche per lo shopping; qui si trovano infatti Don Quijote, Bic Camera, Isetan e altri centri importanti. Le camere, dalla tipica atmosfera giapponese, sono spaziose e confortevoli e in ogni piano vi sono distributori automatici riforniti di molti tipi di bevande. Anche il prezzo della camera è soddisfacente.

  • Lakkana Charritkul

    Questo hotel situato a soli cinque minuti a piedi dalla stazione di Shinjuku piacerà soprattutto a chi preferisce rimanere vicino ai negozi per ogni opportunità di shopping. Infatti basta girare l'angolo per avere solo l'imbarazzo della scelta. Le camere sono ampie e comode, certamente più grandi dei business hotel in cui mi sia mai fermata.

Secondo giorno

TOHOKU(IWATE)

Stazione di Tokyomore

Stazione di Tokyo

Nell'ottobre 2012 sono terminati i lavori di restauro e preservazione dello storico edificio lato Marunouchi della stazione più importante di Tokyo, che ne hanno ripristinato la tanto cara facciata a mattoni rossi, suo autentico simbolo, e valorizzato svariati particolari architettonici per riportarla all'aspetto di grandiosità di un secolo fa, quando fu costruita. Con l'occasione hanno riaperto i battenti la Tokyo Station Gallery e il Tokyo Station Hotel, quest'ultimo primo e unico a sorgere in un'opera considerata importante patrimonio culturale del Giappone, con gli interni realizzati in un sofisticato stile neo-classico europeo proprio per armonizzarli con gli esterni dell'edificio di Marunouchi.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Quando viaggio in treno in Giappone mi piace sempre pranzare con il tradizionale bentō, il pasto pre-confezionato di cui i giapponesi vanno matti. Penso che scriverò un articolo a questo riguardo su uno dei miei blog. È bello anche sceglierlo, perché solitamente ve ne sono di molti tipi con gusti e combinazioni d'ingredienti molto diversi, per non parlare dello speciale piacere che si prova quando lo si consuma poco a poco davanti al finestrino dello Shinkansen mentre sfreccia a gran velocità. Ho visto pochi stranieri interessati al bentō, ma credo che sia da pubblicizzare di più, se non altro perché è un'unicità del Giappone e oltre tutto si presenta bene.

  • Lakkana Charritkul

    Nelle stazioni ferroviarie giapponesi, almeno le più grandi, è possibile acquistare un ekiben, il tipico pasto pre-confezionato simile al classico bentō, ma in versione "ferroviaria", che i passeggeri possono anche consumare a bordo. Il bello è che non sono mai tutti uguali perché solitamente variano da stazione a stazione e inoltre vi è un'ampia possibilità di scelta. Nella Tokyo Station (la più grande della capitale), ad esempio, sono in vendita ekiben di svariate regioni del paese i cui gusti riflettono la stagione in corso.

JR Shinkansen Hayabusa(JR EAST PASS) Dettagli

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Lo Shinkansen, il famoso treno ad alta velocità del Giappone, oltre ad essere molto veloce è anche sempre molto pulito. In più, se si acquista un abbonamento JR East Pass per visitare l'area di Tohoku l'esperienza di viaggio diventa anche particolarmente conveniente. All'inizio può forse sembrare un po' costoso, ma a conti fatti non lo è perché lo sconto è considerevole su tutti i treni della società JR, quindi Shinkansen compreso. E naturalmente fa risparmiare anche tempo prezioso quando si va un po' di corsa perché non ci si deve fermare prima alla biglietteria. Penso che molti turisti stranieri non ne conoscano neppure l'esistenza, ma è un vero peccato rinunciarvi.

  • Lakkana Charritkul

    Viaggiare in Giappone è sempre comodo e conveniente, e lo Shinkansen, il treno ad alta velocità, è uno dei modi possibili oltre che particolarmente vantaggioso se si acquista l'abbonamento JR East Pass per recarsi, come nel mio caso, nella parte nordorientale del paese. Le poltroncine sono larghe e comode ed è sempre disponibile ampio spazio per i bagagli.

Stazione di Ichinoseki

Linea JR Ofunato
Stazione di Ichinoseki → Stazione di Geibikei
30 minuti

Gola di Geibikeimore

Gola di Geibikei

Lunga circa due chilometri, si è formata lungo il fiume Satetsu per erosione calcarea e su entrambi i lati si ergono scarpate scoscese alte circa cento metri. Il fiume tuttavia scorre lentamente, accompagnato dal canto "Geibi Oiwake" dei capibarca durante la discesa a remi e, in primavera, dalla delicata tonalità violacea dei glicini che fioriscono lungo le rive. Superba è anche la vista degli strati di ciuffi di fiori color porpora sul Fuji-iwa, grande masso che si erge dall'acqua cristallina.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Questa visione, che mi hanno detto cambia totalmente al cambiare della stagione, è quasi paradisiaca e voglio rivederla in un'altra occasione. La gola di Geibikei, infatti, e specialmente quando vista dalla barca, mi è sembrata un tipico paesaggio del Giappone antico, un panoramica quasi fantastico. Faceva molto freddo (d'altra parte nevicava), ma l'ottimo kamameshi ha provveduto con il suo calore a riscaldarmi il corpo e con la sua squisitezza ad allentare la stanchezza. Una vera opera d'arte, la definirei io.

    Non avevo mai provato a fare la carta giapponese, o washi, ma è stato divertente. Sembra che asciughi in circa una settimana. Più di tutto mi ha positivamente sorpreso lo spirito artigianale di quelle persone. Abbiamo anche potuto comunicare in inglese e alla fine del mio lavoro ho pagato le spese postali per riceverlo a casa in Tailandia.

  • Lakkana Charritkul

    La gola di Geibikei è stata designata uno dei cento luoghi più scenici del Giappone. Il fiume che vi scorre è profondo mediamente un metro e l'acqua è trasparente. A vari punti di transito delle barche lungo questo splendido luogo sono associate diverse storie interessanti, che il capo barca spiega con passione ed efficacia. La gola è visitabile in tutte le stagioni e si può optare anche per la corsa comprensiva di pasto. Tutte le corse sono andata e ritorno e impiegano circa novanta minuti.

    Sempre vicino alla gola di Geibikei consiglio un'altra esperienza tipicamente giapponese: la realizzazione della carta washi. Oltre a crearla, con le proprie mani la si può altresì decorare con fiori o piantine ma per l'asciugatura è necessario attendere circa una settimana. Ma non c'è problema: basta lasciare l'indirizzo e te la spediscono a casa.

Linea JR Ofunato
Stazione di Geibikei → Stazione di Ichinoseki
Citca 30 minuti

Cambiare alla stazione di Ichinoseki
Linea JR Tohoku principale
Stazione di Ichinoseki → Stazione di Hiraizumi
Citca 7 minuti

Tempio di Chūson-jimore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Tempio di Chūson-ji

Istituito dal celebre monaco Jikaku Daishi, la sua costruzione iniziò nel dodicesimo secolo su ordine di Kiyohira, primo signore del clan Oshu Fujiwara, terminando in un imponente complesso provvisto di pagode ed edifici a due piani eretti in stile rigorosamente buddista per confortare lo spirito delle vittime della guerra dei nove e prima e di quella dei tre anni poi. Nonostante l'incendio di molti dei suoi edifici nel quattordicesimo secolo, tutta l'area è un autentico pozzo d'arte del periodo Heian, oltre 3 mila oggetti designati tesoro nazionale e importante patrimonio culturale tra i quali spicca la Golden Hall.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Mi ci è voluto un giorno intero per visitare questo bellissimo tempio e il gruppo di rovine storiche, perché il sito è molto grande. Hiraizumi è infatti sede dello stupendo Konjikido, il padiglione d'oro del tempio di Chusonji, nonché di altri siti designati patrimonio mondiale dell’umanità. Mi è stato detto che, per fortuna, sono in aumento i turisti stranieri che visitano questa regione del Giappone che pur non essendo popolare come Tokyo e Kyoto offre un'immensità di spunti culturali. All'interno non è possibile fotografare alcune cose, che però sono ormai ben custodite nella mia memoria ferrea. La via che porta al tempio è un po' ripida e forse un po' troppo difficoltosa per gli anziani, ma poi si è ampiamente ricompensati dalla bellezza del posto. Ho visto anche molti giovani, e con alcuni ho fatto amicizia, riuscendo nel mio intento di serbare un ricordo indelebile di quel giorno.

    La prima volta che ho sentito suonare lo shamisen, il tradizionale strumento giapponese, non ho potuto credere che sia possibile creare tonalità così calde con solo tre corde. Anch'io ho provato a suonarlo e ora compaio in una bella foto insieme agli altri esecutori. Sfortunatamente quel giorno mancavano i suonatori di altri strumenti tradizionali, ma spero che ci sia un'altra ancora volta per me da queste parti.

  • Lakkana Charritkul

    Il tempio di Chusonji è molto importante in Giappone. La salita è un po' impervia, ma quando ci si avvicina al padiglione d'oro Konjikido ci si trova tra alti e bellissimi alberi sempreverde. Oltre al padiglione d'oro sono di particolare rilievo il Fusatsudo, la stanza dei tesori e i sutra del tempio.

    Lo shamisen è uno strumento musicale giapponese a tre corde, ma emana un suono così delizioso ed esotico da ritenerlo impossibile per una struttura meccanica così semplice, anche quando è una sola persona a suonarlo. È uno strumento davvero unico al mondo ed è facile rimanere a lungo incantati.

Linea JR Tohoku principale
Stazione di Hiraizumi → Stazione di Hanamaki-Airport
Citca 45 minuti

In taxi dalla stazione di Hanamaki-Airport
Citca 10 minuti

Hanamaki Onsenmore

Hanamaki Onsen

Queste terme dal 1923 ricevono le acque dal famoso Dai Onsen. I ciliegi, i boschi di pini rossi e il roseto con la meridiana floreale disegnata dal poeta e scrittore Kenji Miyazawa contribuiscono a conferire al luogo un aspetto di rara eleganza oltre che un grande senso di pace. Molto conosciute in tutto il Giappone, alle sue acque si attribuiscono capacità curative di reumatismi le nevralgie.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Qui ho passato la parte più tranquilla e rilassante del viaggio, un'esperienza così diversa da quella che si vive nella grande metropoli. Al Shidotaira, ryokan con onsen della stazione termale di Hanamaki, ho provato una delle cucine kaiseki più deliziose di tutti i miei viaggi in Giappone. Interamente a base d'ingredienti locali e accompagnata da un sakè a dir poco spettacolare, è stata la mia compagna davanti allo scenario della natura circostante. Le camere sono spaziose, il bagno e la toeletta sono separate come si usa in Giappone e il servizio al massimo della cortesia e dell'efficacia. E il mattino dopo una sontuosa colazione tradizionale che ho felicemente gustato sino all'ultimo boccone. Quello che mi ha maggiormente stupito di questo ryokan è che nonostante si trovi in un'area lontana dalle modernità della città è ricco di prese elettriche. Sembrerà una cosa da poco, ma i turisti (come me) oggigiorno portano con sé una grande varietà di dispositivi elettronici come smartphone, tablet, PC, fotocamere e videocamere che la sera richiedono la ricarica. Ecco perciò perché sono così importanti

  • Lakkana Charritkul

    Allo Shidotaria, nella "città" termale Hanamaki Onsen, le camere sono di stile occidentale o giapponese, queste ultime cioè con tatami come nei ryokan. Dentro sono comunque tutte belle, comode e spaziose.

    Le camere tradizionali offrono però un'atmosfera particolarmente affascinante per il turista straniero. In questo ryokan, inoltre, ognuna ha una vasca con onsen privato, il che può essere preferibile per chi non ama fare il bagno in pubblico. Non solo questo: ogni camera dà sui boschi di conifere circostanti ed essendo pressoché avvolta nel silenzio è più facile sentire il dolce gorgoglio di sottofondo del ruscello che scorre a due passi.
    E, come in tutti i ryokan che si rispettino, la cena (qui è di tipo kaiseki) e la colazione vengono servite in camera.

Terzo giorno

Hanamaki Onsen

In taxi sino alla stazione di Hanamaki-Airport
Circa 10 minuti

Linea JR Tohoku principale
Stazione di Hanamaki-Airport → Stazione di Morioka
Citca 7 minuti

Azienda agricola Koiwaimore

Azienda agricola Koiwai

Situata ai piedi del magnifico Monte Iwate e tra gioiosi e verdi prati, questa azienda agricola generale a conduzione familiare è in attività da oltre cento anni. Si espande su circa 3 mila ettari e oltre ai prodotti caseari si occupa di piantumazione, attività forestali e turismo. Gli animali, principalmente bovini e ovini, vengono allevati con grande attenzione e in modo del tutto naturale nello splendore delle quattro stagioni.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    La fattoria Koiwai, raggiungibile dalla stazione ferroviaria di Morioka con un autobus diretto, perciò in modo molto conveniente, è il luogo perfetto per coppie e famiglie intere ove venire a contatto diretto con la natura e la cultura rurale del paese nonché provare nuovi piatti a base d'ingredienti del posto, naturalmente super freschi. Il marchio Koiwai Farm in effetti l'ho visto alcune volte al supermercato e sono stato anche felice di visitare la fattoria con il bel tempo. È stato divertente anche vedere tutte quelle paffute pecore e i cani pastore e particolarmente istruttivo per una persona di città come me vedere come si fanno il latte e il formaggio, e pure assaggiarli. Questo luogo è anche adatto per le persone che hanno qualche difficoltà di movimento perché possono spostarsi con un apposito autobus (a pagamento).

  • Lakkana Charritkul

    In tutta la zona questa fattoria è rinomata per il latte, il burro e i formaggi. I campi sono molto estesi — ce n'è anche uno di cosmos — e molto divertente è lo show con cani e pecore. Sullo sfondo è visibile il vasto Monte Iwate.
    La fattoria è altresì provvista di un ristorante per il pranzo, che qui si accompagna a un ottimo latte fresco.

Fermata Koiwai Nojo Makiba-en → Fermata Morioka

Stazione ferroviaria di Moriokamore

Stazione ferroviaria di Morioka

Luogo di transito per i viaggi nella provincia di Iwate, offre svariate informazioni turistiche e vi si trovano altresì molti negozi di prodotti alimentari e souvenir. Da non perdere sono i "tre grandi noodle di Morioka", il delizioso pane locale e un'ampia varietà di squisitezze e oggetti dell'artigianato dell'area.

  • Chaiwat Chantasakuldech

    A Morioka, città centrale della provincia di Iwate, si trova quasi tutto quello che si trova a Tokyo e inoltre è più rilassante e autenticamente giapponese. Qui servono la wanko-soba, una versione ridotta della soba, la caratteristica pasta di grano saraceno che normalmente si consuma fredda. Durante uno spostamento ho notato anche un posto che si chiama wanko-road, dove sembra si riuniscano alcuni personaggi-mascotte legati proprio al mondo della soba.

  • Lakkana Charritkul

    La città di Morioka offre molte opportunità di passeggio ma è anche interessante per i suo templi buddisti e scintoisti. Nel tempio di Mitsuishi, ad esempio, si vedono le pietre giganti chiamate "orme delle mani del demonio" che la leggenda attribuisce a un gigante malefico. Nel fusatsudo del tempio di Hoonji, invece, sono conservate circa cinquecento statuette di arhats — così venivano chiamati i monaci buddisti che conseguivano il Nirvana — scolpite in legno di pino. Direttamente collegato alla stazione di Morioka vi è un grande magazzino con molti negozi e ristoranti.
    E non dimenticate, una volta lì, di provare uno dei famosi ekiben, i pasti pre-confezionati spesso acquistabili proprio nelle stazioni ferroviarie per essere consumati prima o durante il viaggio.

JR Shinkansen Hayabusa(JR EAST PASS) Dettagli

Stazione di Tokyo

  • Chaiwat Chantasakuldech

    Ritornando con la mente al mio viaggio a Iwate, posso dire di essere riuscito a conoscere meglio il fascino del Giappone meno noto al turista, e questo anche grazie ad alcuni giapponesi dell'area che mi hanno aiutato in questa piacevole avventura. Non è stato il tipico viaggio tutto foto e video nei posti più famosi e popolari del Giappone, ma un'esperienza molto significativa dentro la sua cultura più periferica ma non per questo meno interessante.

  • Lakkana Charritkul

    Nel complesso direi che è stato un viaggio entusiasmante. Prima a Tokyo, ove ho visto luoghi a me ancora sconosciuti come l'Omoide Yokocho, lì sin da dopo l'ultimo conflitto mondiale, alcuni parchi e altri luoghi che credo siano d'indubbio interesse anche ogni turista. Poi la splendida natura dell'area di Iwate con tutte le sue ricchezze storiche e culturali. Ho fatto molta pubblicità di questo viaggio agli amici, spingendoli a scegliere come me di abbinare alla visita a Tokyo, naturalmente sempre da includere quando si va in Giappone, una regione più periferica poco battuta dal turismo di massa.

RACCOMANDAZIONI DI VIAGGIATORI

Ho scelto questo itinerario per viaggiare dalla chiassosa metropoli che è Tokyo alla quieta Iwate. Per raggiungerla ho usato l'abbonamento JR East Pass (per l'area di Tohoku, la regione nord-orientale dell'isola principale del Giappone) e mi è sembrata più vicina di quanto immaginassi.

Chaiwat Chantasakuldech
blogger e consulente di marketing
Risiede a Tailandia
  • Hobby

    creazione di blog, marketing online, business e tecnologia (principalmente smartphone)

  • Numero di viaggi in Giappone

    più di venti volte

RACCOMANDAZIONI DI VIAGGIATORI

Questo viaggio ha toccato luoghi giapponesi pieni di fascino ma non ancora molto noti alla massa dei turisti tailandesi. Mi è molto dispiaciuto quando è terminato.

Lakkana Charritkul
blogger di stili di vita
Risiede a Giappone
Paese d'origine: Tailandia
  • Hobby

    scrivere, parlare del Giappone, viaggiare e fotografare

  • Permanenza a Tokyo

    un anno e tre mesi

Altri itinerari raccomandati nella stessa area

Condividi questa pagina!

Mezzi di trasporto

Itinerari panoramici raccomandati

Altri itinerari seducenti

COPYRIGHT © TOHOKU × TOKYO ALL RIGHTS RESERVED.

Back to Top